Iniziativa AIRC – NASTRO ROSA
23/08/2021

Iniziativa AIRC – NASTRO ROSA

Gentilissimi,

Vi ricordiamo e segnaliamo l’importante iniziativa di beneficenza “Nastro Rosa”, promossa dalla Fondazione AIRC, che vogliamo condividere con voi. Alleghiamo la nota informativa con preghiera di partecipazione e diffusione.

Leggi tutto...
Green Pass : emanata circolare sui controlli
12/08/2021

Green Pass : emanata circolare sui controlli

E’ finalmente uscita la attesa circolare ministeriale che fa chiarezza circa gli obblighi di controllo in
capo ai titolari delle attività per accedere alle quali è richiesta la certificazione verde covid-19,
conosciuta anche come “green pass”.

Leggi tutto...
Coronavirus – aggiornamento FAQ relative alla Certificazione verde COVID-19 (green pass)
06/08/2021

Coronavirus – aggiornamento FAQ relative alla Certificazione verde COVID-19 (green pass)

individuato una serie di ulteriori servizi e attività ai quali possono accedere solo i clienti
muniti della Certificazione verde COVID-19 (cosiddetto “green pass”).
Poiché in alcuni ambiti non sempre risultano chiari gli obblighi e le prescrizioni vigenti per
le imprese, riteniamo utile fornire un aggiornamento delle risposte alle domande più
frequenti pervenute ai nostri uffici .

Leggi tutto...
Accesso ai ristoranti delle strutture ricettive - certificazione verde (green pass) - decreto-legge 23 luglio 2021
06/08/2021

Accesso ai ristoranti delle strutture ricettive - certificazione verde (green pass) - decreto-legge 23 luglio 2021

L’articolo 3 del decreto-legge n. 105 del 23 luglio 2021 stabilisce che, a decorrere dal 6
agosto 2021, l’accesso ai servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo
al tavolo, al chiuso, è consentito esclusivamente alle persone munite della Certificazione
verde COVID-19 .

Leggi tutto...
Green pass - equipollenza certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi – circolare Ministero della salute del 30 luglio 2021
06/08/2021

Green pass - equipollenza certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi – circolare Ministero della salute del 30 luglio 2021

Il Ministero della salute, con la circolare del 30 luglio 2021, ha fornito chiarimenti sulla equiparazione delle certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi ai fini previsti dal decreto-legge n. 105 del 2021 (cfr. nostra circolare n. 304 del 2021). I chiarimenti sulla equipollenza delle certificazioni relativamente all’ingresso in italia erano state già forniti con la circolare del Ministro della salute del 28 giugno 2021 (allegata alla nostra circolare n. 280 del 2021).

Si rammenta infatti che con l’app VerificaC19 è possibile verificare solo le certificazioni italiane degli stati dell’Unione Europea, conformi ai regolamenti europei.

Le certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi, per il loro utilizzo sul territorio nazionale, dovranno riportare almeno i seguenti contenuti:

  • dati identificativi del titolare (nome, cognome, data di nascita);
  • dati relativi al vaccino (denominazione e lotto);
  • data/e di somministrazione del vaccino;
  • dati identificativi di chi ha rilasciato il certificato (Stato, Autorità sanitaria).

Le certificazioni vaccinali, in formato cartaceo e/o digitale, dovranno essere redatte almeno in una delle seguenti lingue: italiano; inglese; francese; spagnolo. Nel caso in cui certificato non fosse stato rilasciato in una delle quattro lingue indicate è necessario che venga accompagnato da una traduzione giurata.

La validità̀ dei certificati vaccinali è la stessa prevista per la certificazione verde COVID-19 (Certificato COVID digitale dell’UE) emessa dallo Stato italiano (nove mesi a far data dal completamento del ciclo vaccinale).

I vaccini ad oggi accettati in Italia e autorizzati da EMA, sono:  Comirnaty (Pfizer-BioNtech);  Spikevax (Moderna);  Vaxzevria (AstraZeneca);  Janssen (Johnson & Johnson).

Le certificazioni di guarigione dovranno riportare almeno i seguenti contenuti:

  • dati identificativi del titolare (nome, cognome, data di nascita);
  • informazioni sulla precedente infezione da SARS-CoV-2 del titolare, successivamente a un test positivo (data del primo tampone positivo);
  • dati identificativi di chi ha rilasciato il certificato (Stato, Autorità sanitaria).

Tutte le certificazioni di guarigione, in formato cartaceo e/o digitale, dovranno essere accompagnate da una traduzione giurata.

La validità dei certificati di guarigione è la stessa prevista per la certificazione verde COVID-19 (Certificato COVID digitale dell’UE) emessa dallo Stato italiano (sei mesi a far data dall'avvenuta guarigione). 

Leggi tutto...
Federalberghi Cervia-comunicato stampa no green pass agli alberghi
06/08/2021

Federalberghi Cervia-comunicato stampa no green pass agli alberghi

La Cabina di regia ha confermato che le persone alloggiate nelle strutture ricettive possono consumare i propri pasti al chiuso presso i ristoranti delle strutture stesse anche se non sono in possesso della certificazione verde.
“Possiamo quindi rassicurare i nostri ospiti - dichiara il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca - sulla possibilità di usufruire normalmente dei servizi di food and beverage presso le strutture turistico ricettive, sia per la prima colazione sia per l’accesso al ristorante e al bar”.
A partire dal 6 agosto (domani), i ristoranti degli alberghi dovranno invece richiedere il green pass se il cliente che siede al tavolo al chiuso non soggiorna presso la struttura ricettiva.
Bocca, “ringrazia il Ministro del Turismo, on.le Massimo Garavaglia, il Governo e la Conferenza delle Regioni per aver risposto alle istanze di Federalberghi con una soluzione che consente alle famiglie di trascorrere in tranquillità le proprie vacanze”.

Leggi tutto...