Comunicato stampa

Inserito il 04/01/2016

 COMUNICATO STAMPA

 

FEDERALBERGHI ASCOM CERVIA RESTA CONTRARIA ALL'APERTURA SERALE DELLA SPIAGGIA E CHIEDE CON FORZA CHE L'ARENILE NON DIVENTI LUOGO DI INTRATTENIMENTI “FUORI CONTROLLO”

 

 

Federalberghi Ascom Cervia conferma la propria contrarietà all'apertura serale degli stabilimenti balneari, ritenendola dannosa ai fini dello sviluppo turistico. Nel prendere atto dell'orientamento favorevole all'apertura stessa più volte manifestato dal Comune, da ultimo nel comunicato stampa del 30 dicembre scorso, Federalberghi ribadisce che l'apertura serale, aggravata dall' assenza di un piano globale di rilancio della offerta turistica, tende a favorire unicamente l'arenile con evidenti svantaggi per tutte le attività di ristorazione e commercio presenti nel contesto urbano. E' illusorio pensare che tale scelta aumenti i flussi turistici, mentre in realtà non fa altro che spostare in direzione della spiaggia un quota parte della clientela già presente in città. In modo coerente, Federalberghi è da sempre favorevole a un piano complessivo di valorizzazione e rilancio di tutti settori imprenditoriali di primario interesse turistico, secondo un concetto di crescita armonica e equilibrata del territorio.

 

Qualora il Comune, come appare evidente nel comunicato stampa del 30 dicembre, confermi l'orientamento favorevole all'apertura serale, Federalberghi chiede con forza che l'arenile non diventi un luogo improprio di intrattenimenti non compatibili con il contesto urbano nel suo complesso e con l'immagine con cui la località si propone sul mercato turistico. Su questo punto l'intransigenza degli albergatori è totale. L'assenza nel suddetto comunicato dell'amministrazione di ogni indicazione in merito alle attività consentite ( con il generico riferimento ad “attività rumorose”, non meglio definite, consentite fino alle 23,00 che apre di fatto la porta a intrattenimenti e feste tutte le sere) , costituisce motivo di viva preoccupazione a cui va trovato pronto rimedio in sede di ordinanza.

Torna indietro